Depop, il tuo negozio da borsetta

Costanza e pazienza. Molto vero, ma ho già una certa età e inizio a pensare che venderò il mio primo pezzo su Depop mentre brindo ai 50!
Depop è un’applicazione per smartphone che ti permette di vendere e acquistare da privati, diventata popolare grazie al coinvolgimento di blogger più o meno famose e ultimamente utilizzata anche dalle celebrities per fare beneficenza.
Team marketing di depop ti meriti un 10 con lode!

L’idea è geniale, è smart come tutto ciò che ci circonda oggi.
Talmente tanto smart che vince non esserlo, linguaggio e foto compresi. Solo la parvenza è quella di una foto semplice, buttata lì.
Le regole estetiche da seguire sono ben lontane dalla veloce casualità, piuttosto studiate direi: foto con luce naturale, sfondo preferibilmente neutro, pochi orpelli. L’importante è che l’occhio di chi guarda abbia l’immediata percezione di ciò che vuole acquistare.

13923264_1661300250857074_3404594303049833941_o 13653493_1661299734190459_2138448296665070833_o 13669421_1661302934190139_5782646737070916726_o

Tutto deve essere subito chiaro nel primo scatto.
Poi bisogna sperare che l’applicazione ti scelga più volte per la bacheca dei “scelti da noi” in modo da avere visibilità.
Poi bisogna sperare che dopo la visibilità arrivino le vendite.

Impegno, talento social, fortuna.
Nasce per vendere socializzando, con quella socialità dei social s’intende, piena di cuori e faccine. Non lo so ancora se mi piace.
Per il momento c’è una cosa che mi piace più di tutte: frugo costantemente dentro un grande armadio dove ci sono pure le mutandine di Dita von Teese, un sogno! (si, c’è anche lei su depop)

link utili: Alessandra Pepe per Momastyle, Hub09 , Carlo Pallavicini  per Il Messaggero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *